Giornata della memoria – Consigli di lettura

Proprio ieri una cliente in libreria, guardando la mia selezione di libri sulla Giornata della Memoria, mi raccontava di essere una grandissima esperta sui campi di sterminio e di possedere a casa sua almeno un centinaio di libri sull’argomento. Confesso di aver avuto i brividi, ammiro chi ha la forza di leggere cose del genere, io non ne sono capace. Sono sicura che non chiuderei occhio la notte. Io non ho mai avuto la forza neanche di guardare Schindler’s list.

Questo per dirvi che la ma lista di letture sulla Shoa sarà volutamente soft, anche perché non credo fino in fondo nella necessità delle immagini più brutali per raccontare cosa accadde. Lo sterminio fu solo la pagina finale di un processo lunghissimo, durato anni. Non solo Auschwitz e ciò che accadde lì dentro è meritevole del nostro interesse, ma tutto il periodo storico che lo procedette, a partire dalle leggi razziali, dovrebbe essere oggetto della nostra riflessione. 

Tre consigli di lettura per tre fasce di età: 

Per gli adulti : Il giardino dei Finzi Contini di Giorgio Bassani

bassgiar96Giorgio Bassani traccia in questo romanzo la storia di una famiglia ebrea, non nel momento storico che siamo più abituati a conoscere, quello della guerra e dello sterminio, ma negli anni immediatamente precedenti al conflitto.

Nulla di drammatico accade eppure il senso di una fine ineluttabile si respira nell’aria. Sui protagonisti, intenti a giocare a tennis e ad amoreggiare pende una spada di Damocle. Quale fine faranno i Finzi Contini Bassani lo anticipa già nel prologo: deportati tutti in un campo di concentramento nel 1943 vi moriranno. Il racconto di quell’estate del 1938, dell’amore impossibile del protagonista (forse lo stesso Bassani? Non è chiaro) per la giovane Micol, delle partite a tennis, delle chiacchierate con Alberto, delle visite alla casa sontuosa e alla biblioteca imponente del signor Ermanno, sembra voler bloccare il tempo, cristallizzare almeno nel ricordo un pezzo di vita irrimediabilmente perduto.

Per i ragazzi: Il diario di Anna Frank

il-diario-di-Anna-Frank1Il diario di Anna Frank è una perla. Per quanto qualcuno cerchi ancora di polemizzare non attribuendolo alla giovane autrice questo libro insolito racconta l’Olocausto scrutando il tragico evolversi degli eventi dietro le tendine di un nascondiglio quasi perfetto. Cosa accade nella vita di una ragazza di 13 anni, fino al giorno prima occupata dalla scuola, gli amici, gli amori che si ritrova catapultata in un luogo segreto e vive ogni giorno nel terrore di essere scoperta? Cosa accade ad una ragazza che dal suo nascondiglio segue la deportazione di tutte le persone che conosce? Eppure Anna non perde la speranza.

Vi ricordo che sabato 31 alle ore 17,30 in libreria ci incontreremo per condividere pagine del Diario e ascoltare brani di musica ebraica.

Per i bambini: Che cos’è l’antisemitismo? di Lia Levi

piemmeLia Levi è un’autrice italiana di origine ebraica. Da bambina è stata costretta a separarsi dalla famiglia per nascondersi con le sue sorelle in un collegio di suore ed evitare di essere deportata. Ha dedicato tutta la sua carriera di scrittrice per bambini al tema dell’Olocausto. Oltre a tanti romanzi ha pubblicato una piccola guida per spiegare ai bambini che cos’è l’antisemitismo nella quale smonta pezzo a pezzo tutti i più comuni pregiudizi che lo alimentarono. Domande come: “È vero che gli ebrei sono tutti ricchi?” o “Perché gli ebrei non vivono tutti ad Israele?” trovano risposte semplici.

Recent Posts